Monumenti e lapidi

Dettaglio immagine

Ente competente:
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
Definizione del bene:
monumento ai caduti
Luogo:
Emilia-Romagna, Ligonchio (RE), Chiesa parrocchiale di S. Andrea, torre campanaria, Strada Provinciale 18
Data:
sec. XX | 1932
Ambito culturale:
bottega reggiana
Committenza:
Comune di Ligonchio
Materia e tecnica:
marmo bianco; bronzo/ fusione
Misure:
cm ;
Descrizione del bene:
Si tratta di una torre esagonale, in pietra, di forme lineari, il cui sviluppo verticale è interrotto sopra alla base e sotto la cella campanaria da cornici marcapiano prive di decorazione. Sul lato che ospita anche l’orologio, rivolto verso la strada, era presente una targa di marmo bianco con l’iscrizione “Ligonchio ai suoi caduti” sostituita nel secondo dopoguerra da una seconda targa con una epigrafe di dedica ai caduti delle due guerre. La targa è arcuata in basso, a seguire il profilo di una lunetta che ospita la testa bronzea di un soldato con elmetto. Sul lato a sinistra una seconda lapide, accompagnata da una lanterna in basso, reca i nomi dei caduti. Dopo il secondo conflitto mondiale fu apposta sul lato a destra della principale una lapide per commemorare i caduti di quest’ultima guerra.
Descrizione iconografica:
FIGURE: testa di soldato con elmetto.
Trascrizione:
lapide sagomata, lato ovest: LIGONCHIO/ AI CADUTI DI TUTTE/ LE GUERRE/ 1932 - ? (la seconda data è stata tolta)
lapide di sinistra: SOTTOTENENTE RAFFAELLI SALVATORE/ CAPORALE CECCARDI FEDERICO/ SOLDATO BARBANTINI EFISIO/ SOLDATO BARDONI ATTILIO/ SOLDATO BOSI UMBERTO/ SOLDATO CECCARDI ADELMO/ SOLDATO GIORGIONI GIOVANNI/ SOLDATO MAGLIANI PIETRO/ SOLDATO MAGLIANI ALBERTO/ SOLDATO PAOLI DOMENICO/ SOLDATO PESCATORI PAOLO/ SOLDATO PIGHINI ANGELO/ SOLDATO PRIMAVORI UMBERTO/ SOLDATO RAFFAELLI ATTILIO/ SOLDATO SCARUFFI MICHELE/ SOLDATO SIMONELLI GOFFREDO/ SOLDATO TINI REMO
Notizie storico-critiche:
Nonostante alcune notizie indichino che la torre campanaria fu eretta nel corso del Settecento accanto alla chiesa, su un rialzo del terreno, e poi trasformata in monumento ai caduti, è probabile che la sua erezione sia invece avvenuta proprio per commemorare i defunti. L’inaugurazione delle prime due lapidi risale al 1932. (Bibliografia e sitografia: Nicola Brugnoli, Antonio Canovi, “Le pietre dolenti. Dopo la Resistenza: i monumenti civili, il pantheon delle memorie a Reggio Emilia”, prefazione di Leonardo Paggi, Reggio Emilia, RS Libri, 2000, p. 141; http://www.unionecomuni.re.it/turismo/Torre-Campanaria-a-Ligonchio/; http://www.emiliaromagna.beniculturali.it/index.php?it/108/ricerca-itinerari/53/560).
Codice identificativo:
0800634486
Nome del file:
lapidi/S261_S08_S28_S36/SBEAPBO00263146.jpg
 

Immagini

Totale immagini 3